Flatmates 205 live-Pagella Non Solo Rock

13 maggio 2016 presso El Barrio a Turin.

tracking.php?code=CaF9Q3YFAEHGVP4FNjlA9M

I Flatmates 205 approdano nella cornice di Pagella Non Solo Rock 2016! Appuntamento con la band Pop Punk a El Barrio, il 13 MAGGIO, ingresso FREE, mi raccomando portiamo gente che più siete lì sotto, più tutti assieme faremo casino!! a presto, baci baci.

Indirizzo: Strada Provinciale di Cuorgnè 81, Turin
Flatmates 205 live-Pagella Non Solo Rock

Trova altri eventi a Turin su Evensi!

WARRIOR SOUL live al BLAH BLAH

06 aprile 2016 presso BLAH BLAH a Turin.

tracking.php?code=fFRBgSd9Om7I32BlIq11oW

WARRIOR SOUL
LIVE AL BLAH BLAHTORINO
Inizio concerto ore 21,30
Ingresso 5 euro

I Warrior Soul nascono da un’idea del loro leader, il cantante Kory Clarke, nel 1987. Kory è in fuga dalla natia Detroit nella quale, oltre a suonare la batteria in vari gruppi, pare aver avuto un passato da mezzo gangster col quale, ad un certo punto, è costretto a tagliare drasticamente. A New York trova vari lavoretti come Vj e Dj e tiene diversi spettacoli di Spoken Words, nei quali sviluppa la propria vena critica e prova l’ebbrezza del potere della parola sulla folla. Kory, a questo punto, decide di alzare le proprie ambizioni e forma la band. Il primo componente stabile è il chitarrista John Ricco, e dopo di lui arriva Pete McLanahan al basso. Trovare un batterista si rivela invece più complesso e il posto viene inizialmente affidato a Paul Ferguson (ex-Killing Joke, poi sostituito da Mark Evans). Il disco di debutto, questo Last Decade Dead Century, rivela immediatamente l’enorme talento della band. Da un lato, la poetica di Clarke, dall’altro la veemenza della musica in un connubio esaltante, che tributa al disco un ottimo successo underground e spinge le vendite oltre le centocinquantamila copie.

Clarke porta in dote da Detroit un’attitudine punk/hardcore ante-litteram che si esplicita nelle sue liriche spietate e lucidissime: la fine del Sogno Americano e il deficit democratico degli USA di Bush, i milioni di senza tetto e disperati, i drogati abbandonati a se stessi, i ragazzi ridotti allo sbando e scacciati dal “mondo che conta”, costretti ad elemosinare attenzioni e futuro. In una parola, i perdenti. Sono loro i protagonisti delle storie di Clarke, che ci invita nei bassifondi (Downtown) per scoprire le rovine del sogno (I See The Ruins) ed unirci così al grido dei rifiutati e degli sconfitti (The Losers) in una corsa disperata verso il futuro, perché la musica possa essere un modo di riunire tutti sotto una bandiera e lottare per la propria vita ed il proprio riscatto (We Cry Out e Superpower Dreamland), perché le cose così, davvero, non vanno (Blown Away). Clarke non si fa illusioni, ma il percorso lirico del disco è decisamente netto: dalla constatazione della distruzione, del degrado, del fallimento, non può che nascere una nuova generazione che lotta, che non si arrende, che chiede urlando il rispetto dei propri diritti ed il proprio posto al Mondo (ma è il 1990 o tutto questo accade ancora oggi, AD 2011?). Una generazione che non può più aspettare che le magnifiche sorti e progressive finalmente si ricordino di lei e prende la parola con forza e coraggio. Clarke si pone idealmente con questa moltitudine, indica il nemico, esorta e inneggia, finché in Lullaby, la cui intro è stata più volte utilizzata come sigla di programmi televisivi, si lascia andare ad una dolcezza cupa, fiera e disperata, come tutto questo disco. In Conclusion chiude con l’esortazione a pensare, a credere che tutto è ancora possibile, che la realtà è dura e senza pietà ma c’è spazio per combattere, per non arrendersi, per ribellarsi e ritrovare i valori fondamentali dell’esistenza. Una battaglia che non può che partire dai più deboli ed emarginati ed, in particolare, i giovani rockettari ghettizzati e denigrati.

Indirizzo: via Po 21, Turin
WARRIOR SOUL live al BLAH BLAH

Trova altri eventi a Turin su Evensi!

GANG OF FOUR / data UNICA italiana // sPAZIO211/Torino

02 aprile 2016 presso sPAZIO211 a Turin.

tracking.php?code=XA3Bqi4eem0A3ftmdBB9wW

TOdays festival consiglia:

GANG OF FOUR
data UNICA italiana!

SABATO 2 APRILE 2016
sPAZIO211
Via cigna 211 // 10155 Torino
apertura porte: 21.29
inizio concerto: 22.00

Ingresso: 15 euro + d.p.
Prevendite attive ORA qui > www.ticket24ore.it
cerca qui il punto vendita fisso più vicino alla tua città > www.piemonteticket.it/#!punti-vendita/cme9
call center 892101

Their great innovation — Andy Gill’s morse code guitar, as if playing a riff for more than a few bars casued him physical pain– is post punks most ripped off idea – PITCHFORK

Gang of Four floored me with their performance…four out of four stars – THE OBSERVER

As musical auteur (Gill’s) splintered guitar and troubled eruptions capture contemporary dystopia…A lucid and accomplished departure- UNCUT 8/10

I Gang of Four sono una delle band più amate e rilevanti degli ultimi decenni. Pionieri di un post punk fortemente intriso di funk e dub reggae che ha influenzato e ispirato un’infinità di band come NIRVANA, REM, Rapture, Franz Ferdinand, !!! e Red Hot Chili Peppers, i GOF arrivano in Italia per presentare i brani che li hanno resi un assoluto punto di riferimento per intere generazioni, in occasione della pubblicazione delll’album live “Live…in the moment”. (in uscita a Marzo)

Formatisi a Leeds nel 1977 I Gang Of Four divennero immediatamente i pionieri di un post punk fortemente politico che si occupava delle problematiche sociali dell’Inghilterra degli anni 70.
E’ proprio nell’anno dell’elezione della Thatcher che i Gang Of Four esordiscono con quello che diverrà uno dei manifesti più eloquenti dell’impegno politico applicato al rock, oltre che il capolavoro della band ed uno degli album più influenti degli ultimi 30 anni: Entertainment.
La storia dei Gang Of Four continua con un altro album di pregevole livello, Solid Gold dell’81, che segue le stesse coordinate del primo con una produzione più curata.
Seguono poi Songs Of The Free e Hard, in cui la band si apre a sonorità più orecchiabili e quasi vicine alla disco music cosa che avverrà anche negli album pubblicati durante gli anni ‘90 Mall e Shrinkwrapped. Dopo essersi sciolti nel 1997, il quartetto si riforma nel 2004 nella line-up originale, tenendo alcuni concerti. In seguito però il batterista Hugo Burnham prima ed il bassista Dave Allen poi, abbandonano il gruppo, sostituiti rispettivamente da Mark Heaney e Thomas McNeice.
Nel 2011 i Gang of Four hanno pubblicato l’album Content e nel 2015 l’album “What happens next”.

L’influenza dei Gang of Four sull’indie rock degli ultimi due decenni è indubbio; dai Red Hot Chili Peppers ai REM non c’è gruppo che non abbia manifestato la propria riconoscenza al quartetto di Leeds.
Dal vivo oggi i Gang of Four sono Andy Gill – Guitar, Thomas McNiece – Bass, John “Gaoler” Sterry – Vocals, e Jonny Finnigan – Drums

READ MORE:
Gang Of Four Official
http://www.gangoffour.co.uk
https://www.facebook.com/gangoffourofficial
https://twitter.com/gangof4official
https://www.youtube.com/user/OfficialGangofFour

PREVENDITE DISPONIBILI
Boxoffice Piemonteticket
www.ticket24ore.it

INFORMAZIONI AL PUBBLICO:
www.todaysfestival.com
www.facebook.com/Todaysfestival
Mob.: +39 349 3172164

Indirizzo: Via Cigna 211, Turin
GANG OF FOUR / data UNICA italiana // sPAZIO211/Torino

Trova altri eventi a Turin su Evensi!

THE BELLRAYS (Usa, legend Rock & Soul) + DALLAS FRASCA Rock band dall’ Australia

15 maggio 2016 presso BLAH BLAH a Turin.

tracking.php?code=Z9eTgIqkVQ9ndY1SyaCnV6

Ingresso 10 euro

Dopo cinque anni di assenza tornano i magnifici The BellRays alla cui testa ci sono sempre la portentosa Lisa Kekaula e il fido Bob Vennum. La band californiana (completata da Stefan Litrownik e Justin Andres) torna in Italia per otto date. A supporto gli australiani Dallas Frasca.

http://thebellraysrock.com
https://www.facebook.com/BellRays/

If music is food for the soul, then The BellRays are Thanksgiving. At a BellRays show they know how to cook.
Lisa Kekaula and Bob Vennum dish up plate after plate, hot and ready to eat.

Each song gives you flavors that both taste good going down and make you wonder what’s in it. Yes, the ingredients are important, blues, punk, rock, R&B…But even the best ingredients, used too much or too little, can ruin the experience and tire out the senses.

The BellRays have been perfecting this recipe for years now and may not win awards but if you are in earshot no one leaves hungry.

The BellRays give you not only what you crave, but what you need in every bite.

DALLAS FRASCA
https://www.facebook.com/dallasfrasca/
http://www.dallasfrasca.com/

For a decade, Dallas Frasca have not stopped. They’ve toured the world (including 6 European tours), rocked the iconic Sydney Opera House and major international festivals from the Big Day Out, Falls Fest and Pyramid Rock Down Under, to International Earth Day (Canada) and Les Nuits de La Guitare de Patrimonio (France) with over 750 shows under their belt.

They have a Top 30 ARIA charting album under their belt and have won many awards including ‘Artist of the year’ at the Independent Music Awards, came 3rd in the International Song-writing Comp (ISC – over 16,000 entries). The band have supported the likes of Aerosmith, Patti Smith and Van Halen and even been endorsed by ‘Slash’ himself; ‘Great vocals, riffs and grooves’! Dallas fronted the legendary Aussie rock band Midnight Oil (with Violent Femmes’ Brian Ritchie on bass) in support of Amnesty International and appeared on Suze DeMarchi’s (Baby Animals) latest album covering The Clash’s classic, ‘Safe European Home’.

A collaboration in 2015 with Ugly Kid Joe was released on UKJ’s first album in 19 yrs album and landed them a #10 spot in the BBC Charts in the UK. Dallas Frasca’s songs have featured in numerous films and their song, ‘Success Is The Best Revenge’ from their 2015 release, ‘Love Army’ was the theme song on the popular TV show, ‘Bondi Ink’.

The award-winning Aussie rock‘n’roll outfit is a stand-out of its class, with their arsenal of ‘heavier- than-the-earth’ live show. On stage the three piece are two guitars, a beast behind the kit, and a mighty presence at the mic. Dallas Frasca is all of those things, and more. And they’re on a highway right to the top.

Indirizzo: via Po 21, Turin
THE BELLRAYS (Usa, legend Rock & Soul) + DALLAS FRASCA Rock band dall

Trova altri eventi a Turin su Evensi!

A Night LIke This Festival presents: DEATH INDEX (Usa/It) live + THE SOFT MOON dj-set

12 maggio 2016 presso Astoria a Turin.

tracking.php?code=fbp0An6Q0RlBMpxOHIdNRI

Thu 05 May – H22.00
A NIGHT LIKE THIS festival presents:
DEATH INDEX (Usa/It) Live + The Soft Moon dj-set
+ XÄNÄX PÄRTY Dj-set
Astoria V.Berthollet 13, Torino

DEATH INDEX
I Death Index sono la nuova super-band formata da Carson Cox, frontman dei Merchandise e Marco Rapisarda, già Smart Cops e La Piovra. La formazione live prevede anche membri di Crocodiles (Band) e The Soft Moon.
L’omonimo album d’esordio è stato registrato tra Berlino, Tampa Bay e Palermo; linee di synth semplici e un vortice di chitarre per un album che ha più punti in comune con l’art-punk degli esordi che con qualsiasi altra cosa sia oggi in giro.

Dopo il live XÄNÄX PÄRTY e The Soft Moon Dj-set.

A NIGHT LIKE THIS festival è un festival di musica e arte indipendente, nato nel 2012 da un’idea dell’associazione culturale A Night Like This. Giunto alla quinta edizione, quest’anno il festival raddoppia: tra il 15 e 16 luglio oltre 30 band si alterneranno su 5 palchi in 3 diverse location. In più, un’area expo di prodotti handmade e degustazioni a km zero, mostre e laboratori artistici (pittura, design e moda) che si svolgono all’interno dell’area festival e in varie location sparse per il paese. Tutto questo accade in due bellissime giornate d’estate, immersi in una perfetta cornice naturale, dove le tradizioni locali incontrano l’attitudine cosmopolita di un pubblico vario e trasversale.

www.facebook.com/ANightLikeThisFestival
http://anightlikethisfestival.com

Indirizzo: Via Claudio Luigi Berthollet 13, Turin
A Night LIke This Festival presents: DEATH INDEX (Usa/It) live + THE SOFT MOON dj-set

Trova altri eventi a Turin su Evensi!

Living In The 80’s vs No Thanx – Officine Corsare ( TO )

15 aprile 2016 presso Officine Corsare a Turin.

tracking.php?code=pVLdj140JWjLkWM31Y55Mo

Venerdì 15 Aprile 2016
Living In The 80’s ( dj Faith ) vs No Thanx ( dj Mitch )
Vi aspettiamo alle Officine Corsare, in Via Pallavicino 35 a Torino per una vera e propria sfida!! Potrete ballare pezzi Italodisco, 80’s, New Wave, Glam Rock, Post-Punk, Punk ’77,electro-wave 80′ e molto altro.Vi aspettiamo!!!

Indirizzo: Via Giorgio Pallavicino 35, Torino, Turin
Living In The 80

Trova altri eventi a Turin su Evensi!

4° COMPLEANNO LAVANDERIE RAMONE: Be The Wolf Yendry Oh My Venz Prison Punk Stereo Age Dramalove Pula+ Chemical Wakes Liquid Room Milk & Cig

09 aprile 2016 presso Lavanderie RAMONE a Turin.

tracking.php?code=CIKhfScH296Ht69ulfxPf5

Siamo felici di invitarvi a festeggiare il nostro quarto compleanno alle Lavanderie RAMONE. Saranno sul palco insieme a noi:

Be The Wolf
Yendry Fiorentino
OH MY VENZ
Prison Punk
Stereo Age
Dramalove
Pula+
Chemical Wakes
Liquid Rooms
Milk and Cigarettes
Maurizio Manets
Wedding players

Ingresso Libero
(Circolo MSP)

Indirizzo: via Claudio Luigi Berthollet 25, Turin
4° COMPLEANNO LAVANDERIE RAMONE: Be The Wolf Yendry Oh My Venz Prison Punk Stereo Age Dramalove Pula+ Chemical Wakes Liquid Room Milk & Cig

Trova altri eventi a Turin su Evensi!

STRAWDAZE + ODR at BORDER ARCI

16 aprile 2016 presso Border Circolo Arci a Turin.

tracking.php?code=Y7BSa2JCzEtFrvNmKxscHs

Sabato sera all’insegna del folk, del metal e del punk: riassumendo, l’occasione giusta per fare festa e divertirsi insieme a tanta birra.

Sul palco i locali ODR (Pagan/Folk Metal) con il loro Pagan Folk insieme ai mantovani StrawDaze, freschi di nuovo video.

Non mancate, supportante la scena!

Indirizzo: Via Balbis 11, Turin
STRAWDAZE + ODR at BORDER ARCI

Trova altri eventi a Turin su Evensi!

Sainkho Namtchylak al Folk Club – Torino

17 aprile 2016 presso FolkClub a Turin.

tracking.php?code=d21Ob3GcNtPfvs7KrDqXEU

SAINKHO NAMTCHYLAK (Tuva) feat. LIYA AG ABLIL “DIARA” e SANOU AG AHMED (Mali)

Il fantastico incontro tra la voce siberiana di Sainkho e le chitarre del deserto maliano
CONCERTO ECCEZIONALE

Domenica 17 Aprile
ore 21:30
Via Perrone 3/bis
10122 Torino
L’ingresso al FolkClub è strettamente riservato ai soci
Ingresso: 25.00 € Minori di 30 anni: 13.00 €

Per informazioni: http://www.folkclub.it/
www.ponderosa.it

Si aggiunge in extremis alla nostra stagione una perla rilucente, un concerto eccezionale. A quasi dieci anni dalla sua ultima apparizione al FolkClub e a otto anni esatti dalla sua partecipazione alla nostra festa del Ventennale al Teatro Regio, ritorna la formidabile e inimitabile voce tuvana di Sainkho Namtchylak, e lo fa in una formazione straordinaria, accompagnata da due tra i migliori strumentisti maliani, già membri di Tinariwen e TERAKAFT (protagonisti di un indimenticabile concerto a Maison Musique sei anni fa): Liya Ag Ablil “Diara” e Sanou Ag Ahmed. Questo fantastico incontro musicale nasce dal vecchio desiderio di Sainkho di confrontarsi con i musicisti nordafricani, ed è stato possibile grazie al produttore, plurinominato e vincitore di un Grammy Award, @Ian Brennan (TV on the Radio, Flea, Tinariwen, Lucinda Williams, Los Lobos, Nels Cline dei Wilco, Bill Frisell, Dirty Dozen Brass Band, Jonathan Richman, Richard Thompson sono solo alcuni degli artisti che si sono affidati a lui per la produzione dei loro dischi). Sainkho e Ian si sono dati appuntamento con la sezione ritmica dei Tinariwen in Francia, riuscendo in una manciata di concitate giornate a scrivere e registrare al volo materiale persino per un doppio album, dando luogo a un magico incontro tra due popoli ricchi di tradizioni nomadi, che, seppur provenienti da continenti del tutto diversi, hanno facilmente trovato ispirazione in un terreno di dialogo comune ma soprattutto unico e rappresentativo delle loro realtà musicali, sociali e culturali, entrambe protagoniste di lotte per la sopravvivenza. Like A Bird Or Spirit, Not A Face, è il titolo del disco così realizzato. Con la voce della più famosa cantante gutturale del mondo al timone del progetto, la collaborazione si è spinta oltre nuovi confini miscelando atmosfere volte alla creazione di un singolare quanto etereo equilibrio che non ha eguali, come dimostra l’esperienza creativa personale vissuta dai tre artisti coinvolti. Cantato in lingua tuva, russa e inglese, la musica di Like A Bird Or Spirit, Not A Face, spazia dal punk-rock della steppa agli affascinanti suoni ripetitivi e dilatati tipici del “blues del deserto”, offrendoci anche ballate dal tono epico.
La ricerca musicale di Sainkho Namtchylak si muove tra i due poli, solo apparentemente opposti, della tradizione popolare e della sperimentazione d’avanguardia.

Sainkho Namtchylak, discendente di una famiglia nomade della regione di Tuva, Siberia centro-meridionale, si forma musicalmente all’università locale, per poi perfezionarsi nell’ateneo moscovita. L’oggetto privilegiato dei suoi studi sono le tradizioni musicali siberiane contadine, sciamaniche e lamaiste. Esordisce come cantante nel Tuvan State Folk Ensemble Sayani, per poi dedicarsi all’interpretazione dei musicisti e compositori sovietici più interessati alla contaminazione. Fa parte anche del gruppo Tri-O, con il quale raggiunge la popolarità nel panorama musicale occidentale più attento alla sperimentazione. La sua tecnica vocale sfrutta il tradizionale canto diplofonico, tipico dell’Asia centrale (caratteristico, ad esempio, della tradizione mongola), che consiste nell’emissione contemporanea di due suoni distinti, uno più grave e uno più acuto. Il canto tuvano diplofonico si differenzia dalla più nota versione mongola per una maggiore asprezza e gutturalità, che sfocia in suoni sorprendenti per il loro carattere quasi sovrannaturale. Gli stretti legami che intercorrono a Tuva tra il canto tradizionale e la cultura sciamanica, ne fanno musa ispiratrice per il movimento new age, per il quale diviene punto di riferimento.
…tutto ciò che è nuovo, non è altro che qualcosa che proviene dal passato e che è stato dimenticato. Non c’è mai nulla di completamente nuovo. Nell’arte in particolare sembra tutto innovativo, ma, in realtà, c’è sempre un vecchio decoro all’interno di ogni espressione. Per me non c’è una profonda distinzione tra la tradizione e la modernità, esiste bensì qualcosa che possiamo definire i colori, i disegni, i differenti materiali, che vengono combinati. Tradizione significa conservare la storia dentro di sé, modernità invece trovare un nuovo aspetto, un nuovo vestito alla tradizione… (Sainkho Namtchylak)

Ag Ablil alias Diara, già fondatore dei Tinariwen e dei Terakaft, è l’anima più rock’n’roll del movimento musicale maliano noto sotto il nome di “blues del deserto”. Diara è un vecchio guerriero (non è una metafora, ha davvero combattuto la guerra civile durante la ribellione dei Tuareg contro il governo maliano) la cui unica arma è ormai l’inseparabile Fender Stratocaster. Le chitarre sono un’arma molto più potente, dice, sono loro la guida nel cuore di un artista, non il desiderio di versare il sangue di qualsiasi nemico. Si narra che ascoltando per la prima volta Sticky fingers dei Rolling Stones abbia commentato …ah, sì, questi ragazzi sono molto buoni e hanno un chitarrista che suona un po’ come noi. Come si chiama? Keith Richards? Lo terrò a mente…
Alla base del suo blues-rock ipnotico e contagioso c’è un mix, tutt’altro che banale, di folklore tuareg e strumenti della tradizione occidentale. Difficile resistere alla sua musica: d’impatto e senza confini, proprio come il deserto nel quale è nata.
…Terakaft (così come Tinariwen, e i suoi colleghi nigeriani Tamikrest Etran Finatawa) sono i migliori esempi del blues del deserto, una musica aspra e ripetitiva, strutturata con una chiamata e il canto di risposta […] Bono stesso ha confessato d’essere rimasto “scioccato” dal loro suono durante i mesi in cui gli U2 vivevano a Fez per preparare il loro album No line on the horizon… (El pais)
Mi sembra logico che un uomo come Bono apprezzi il nostro lavoro, ma il nostro riferimento in materia di impegno artistico sarà sempre Fela Kuti. (Liya Ag Ablil “Diara”)

Sul palco del FolkClub per un concerto assolutamente imperdibile Sainkho Namtchylak (voce), Liya Ag Ablil “Diara” (chitarra e percussioni), Sanou Ag Ahmed (chitarra) e Danilo Gallo dei GUANO PADANO (basso).

Indirizzo: Torino, Via Perrone 3, Turin
Sainkho Namtchylak al Folk Club - Torino

Trova altri eventi a Turin su Evensi!

FRANCESCO STABILE (cantautore metropolitano), Release Party Ep “Cafè Utopia” // ITALIANS DO IT BETTER

25 marzo 2016 presso BLAH BLAH a Turin.

tracking.php?code=R5fkBrhfTcesdRuT7PTdhw

Ingresso free!

PRESENTAZIONE 25 MARZO NUOVO EP CAFE’ UTOPIA

Live del cantautore metropolitano Francesco Stabile al Blah Blah per presentare il suo nuovo EP autoprodotto dal titolo Cafè Utopia e uscito a dicembre 2015. Per l’occasione dopo quasi dieci anni, sul palco con lui saliranno i musicisti della prima formazione con cui ha iniziato questo viaggio musicale ovvero Adam Taddei alle percussioni , Antonio Marincola al basso elettrico ed Elvis DiPonto alla chitarra elettrica.Per chi non lo conoscesse Francesco Stabile è un cantautore torinese, che con un linguaggio semplice e diretto, arriva al cuore e allo stomaco dell’ascoltatore, fondendo nei testi delle sue canzoni la rabbia e l’ amore con la metafora e l’impegno civile,e miscelando le sonorità rock con la musica popolare .

BIO
Nel 1996 entra per la prima volta in studio per registrare due singoli dal titolo- Maledetta Amanda e Cuore di cane ,con le chitarre elettriche di ELVIS DI PONTO ed il basso di SARO PULVIRENTI.La sonorità rock di questi brani accompagnerà la maggiorparte della produzione musicale di quegli anni , fino alla nascita del progetto Zeta Reticuli, insieme a Elvis Di Ponto, dove sperimenteranno sonorità più spiccatamente hard rock e musica elettronica.
Ma è dopo un viaggio a Cuba , incantato dalla musica del luogo e dall’interpretazione degli artisti di strada con strumenti musicali artigianali,che Francesco abbandona gli strumenti elettrici per dedicarsi principalmente alla chitarra acustica e allo studio delle ritmiche.
Nel 2000, dopo l’incontro con il batterista percussionista etno-punk ADAM TADDEI, inizia a proporre i suoi brani in chiave acustica, suonando in molti locali ed eventi musicali torinesi. Con il solo supporto della chitarra acustica e dello djumbè.
Nel 2002 si aggiunge a loro il bassista ANTONIO MARINCOLA (ex Bellicosi, storico gruppo hard-core di Torino), che darà un ulteriore spinta ritmica ai brani, alternando concerti dove propone le sue canzoni, e concerti dove ripropone brani della tradizione del sud Italia.
Nel 2004 registra insieme ai due musicisti il primo EP omonimo, ed è grazie a questo lavoro,registrato in presa diretta e che verrà distribuito gratuitamente in un migliaio di copie, che le sue canzoni vengono conosciute ed apprezzate da molti, creando un buon seguito di affezionati.
Nel 2005 come autore scrive tre brani per la cantante Cinzia Rosa in arte CIX, che li includerà nel suo primo album dal titolo “IL SOLE FUORI”, per l’etichetta indipendente KARIBU.
Nel 2010 dopo sei anni dall’uscita della prima demo, torna in studio per incidere il suo secondo EP dal titolo “CANE RABBIOSO”, avvalendosi di vari musicisti dell’area torinese tra cui VITO MICCOLIS (Tribà,El Tres) ANDREA SICURELLA e PAOLO RIGOTTO (Banda Elastica Pellizza).
Nel 2015 ritorna in studio con la formazione del 2004, per registrare il suo terzo EP dal titolo Cafè Utopia.

Indirizzo: via Po 21 – telefono: 392.7045240, Turin
FRANCESCO STABILE (cantautore metropolitano), Release Party Ep "Cafè Utopia" // ITALIANS DO IT BETTER

Trova altri eventi a Turin su Evensi!